E’ andata in scena a Roma la seconda tavola rotonda dei ”Dialoganti” di Obiettivo Italia, che si è tenuta il 10 aprile presso il Centro Congressi Roma Eventi all’Audiotorium Loyola, nella straordinaria cornice di Fontana di Trevi.

Dopo il primo incontro di Milano al Teatro Parenti su ”Lavoro, Innovazione, Industria 4.0”, l’ultimo evento (il prossimo è in programma a Napoli a maggio) ha avuto come titolo il ”Welfare dei Millennials”.

Alla presenza di un pubblico in maggioranza composto da giovani nati negli anni ’80 e ’90 del secolo scorso e dunque rientranti a pieno titolo nella categoria dei “millennials” sono stati affrontati numerosi temi che hanno abbracciato tutte le generazioni, dalle pensioni allo stato sociale passando per il lavoro e le nuove opportunità offerte dall’innovazione tecnologica.

A confrontarsi su queste e altre tematiche, il presidente dell’Inps Tito Boeri, la parlamentare di Forza Italia Annagrazia Calabria, la senatrice del Movimento 5Stelle Nunzia Catalfo, il presidente di Assoprevidenza Sergio Corbello, l’ex ministro Elsa Fornero, i deputati del gruppo Civici e Innovatori Gianfranco Librandi e Andrea Mazziotti, l’economista e parlamentare del Partito Democratico Irene Tinagli, il direttore del quotidiano LiberoVittorio Feltri e il giornalista Roberto Poletti.

La parlamentare di Forza Italia Annagrazia Calabria ha puntato soprattutto l’attenzione sui giovani che sono andati a specializzarsi all’estero e che hanno scelto di restare a lavorare fuori dell’Italia convinti di avere così maggiori opportunità.

“Io appartengo ad una generazione fortunata – ha spiegato la Calabria – una generazione che grazie alle straordinarie opportunità offerte dall’Unione Europea e dall’abbattimento delle frontiere ha potuto viaggiare e studiare all’estero. Il fatto che tanti giovani si siano specializzati in altri Paesi lo considero un fatto molto positivo ma ora la vera sfida sta nel farli rientrare in Italia. Dobbiamo creare le condizioni perché i cervelli in fuga possano essere nuovamente attirati in patria. Perché se siamo riusciti ad abbattere i confini – ha concluso la parlamentare azzurra – è assurdo che poi i confini li debbano trovare proprio nel momento in cui decidono di rientrare in Italia”.

 

Articolo pubblicato da Intelligonews.

 

#Millennials #Welfare #Calabria