Le armi nucleari sono state dichiarate dalle Nazioni Unite fuori legge. È la prima volta che accade.

Ieri 122 paesi membri hanno formalmente adottato un trattato che ne proibisce l’uso.

Le armi nucleari erano finora le uniche armi di distruzione di massa che non avevano un documento che ne vietasse l’impiego.

I negoziati si sono svolti in due sessioni per un totale di quattro settimane complessive.

Vi hanno partecipato delegazioni di circa 140 paesi e organizzazioni di tutto il mondo. Potenze nucleari, tra le quali gli Stati Uniti, hanno boicottato i negoziati, definendo gli obiettivi ingenui e irraggiungibili.

Ora inizia il percorso di ratifica ed entrata in vigore.

Alla votazione non hanno partecipato le cinque potenze nucleari riconosciute dal Trattato di non proliferazione del 1968: Stati Uniti, Russia, Francia, Gran Bretagna e Cina. Altri quattro paesi hanno boicottato il voto: India, Pakistan, Israele e Corea del Nord.

Il cuore del documento è nell’ articolo 1 che vieta di sviluppare, testare, produrre, acquisire, possedere ma anche trasferire o ricevere il trasferimento di armi nucleari.

Inoltre proibisce di «incoraggiare, indurre, assistere o ricevere assistenza per una qualsiasi delle suddette attività».

Altro punto determinante, l’ articolo 4 con cui si pone l’ obiettivo finale della «totale eliminazione delle armi nucleari».

 

Articolo di Antonellis

#ArmiNucleari #ONU #Legge