La finanziaria si va delineando.

C’è una novità, in questa finanziaria.

Leggiamo: “Tra le principali novità per i cittadini c’è il ritorno delle “agevolazioni fiscali sugli abbonamenti al trasporto pubblico”, custodite nel quarto articolo. In particolare, si modifica il testo unico sulle imposte inserendo la possibilità di detrarre dall’imposta lorda il 19 per cento del costo degli abbonamenti trasporti pubblici locali, regionali e interregionali fino a un massimo di 250 euro. La detrazione si estende al datore di lavoro, che potrà farla valere nel caso sostenga le spese per i mezzi pubblici per conto dei dipendenti o dei loro familiari, oppure preveda forme di rimborso nei loro confronti”.

In questi giorni, a Milano, si continua a ripetere la solita manfrina sullo smog e sull’inquinamento.

Ecco, abbiamo sostenuto da sempre che la riqualificazione della mobilità urbana è necessariamente a carico della collettività.

Questo è un primo passo, la finanziaria è un primo passo. Mettendone uno avanti all’altro, per un tempo medio lungo, i risultati potrebbero essere sorprendenti.

 

Articolo di Fabio Massa

#Finanziaria #BonusPendolari #Ambiente